Tag: ricette

Ancora funghi… stavolta in una ricetta speciale

Ancora funghi… stavolta in una ricetta speciale

Era l'anno 2000 quando il quotidiano milanese Il Giorno, nella sua rubrica Le Tentazioni de Il Giorno, dedicò un articolo al nostro ristorante pubblicando la ricetta dei filetti di ricciola con porcini. La sorpresa, assai gradita, fu l'abbinamento al vino curato dal Miglior Sommelier del Mondo 1978 Giuseppe Vaccarini. Pubblico senz'altro aggiungere.

Pesce serra e funghi porcini

Pesce serra e funghi porcini

Vedo questa foto dei magnifici pesci serra della pescheria di Formia Il Grottino da Lorenzo e, nella stagione dei funghi, ricordo ricette del passato che sono state particolarmente apprezzate nel nostro ristorante. Lo spezzatino di pesce serra con porcini, pomodoro e timo è stato uno dei piatti simbolo dell'unione di mare e montagna oggetto della … Continua a leggere Pesce serra e funghi porcini

La stagione del nasello

La stagione del nasello

E' la stagione migliore per la pesca del nasello, che chiamiamo erroneamente merluzzo. Il nasello fa parte della famiglia del merluzzo ma ha notevoli differenze nutrizionali e di dimensioni rispetto al merluzzo atlantico, padre di stoccafisso e baccalà, essendo leggermente più grasso ed arrivando ai 15 Kg contro i 100 kg del merluzzo...

Piatto d’inverno

Piatto d’inverno

La memoria mi riporta indietro nel tempo sulla collina pistoiese, risalendo la Val di Bure ed arrivando a Cignano, dove viveva insieme a pecore e conigli Matilde mia nonna paterna. Parliamo del secolo scorso, sono passati cinquant'anni, ma la cucina povera è quantomai attuale per sostanza e leggerezza: ne è prova la "cavolata", piatto unico … Continua a leggere Piatto d’inverno

Calamari e broccoletti

Calamari e broccoletti

Per preparare questo piatto ho cotto i broccoletti a crudo, così non perdono né aromi né amaro, con aglio ed olio extravergine; stessi ingredienti per una cottura più veloce dei calamari per poi passarli, insieme, in padella con aggiunta di peperoncino tritato. Ho trovato un degno compagno a questo piatto nel Salina Bianco di Colosi, … Continua a leggere Calamari e broccoletti

Conditum paradoxum

Conditum paradoxum

Il conditum paradoxum non è altro che l'avo del vin brulé del quale parla Mario Gavio Apicio (25 a.C.-71 d.C.) nel De Re Coquinaria; all'epoca era composto da vino, miele, pepe, zafferano, datteri, foglie di nardo (lavanda) e fuoco che si serviva alla fine del pasto. Il vin brulé ci accompagna per i secoli bui … Continua a leggere Conditum paradoxum