Il Calvados

Il Calvados

Cugino povero di Cognac e Bas Armagnac? No, non direi proprio, il derivato della distillazione del vino di mele ha complessità e regole di produzione che lo elevano al livello dei parenti più famosi.

mele 1

Quasi cento le varietà di mele prodotte nella Bassa Normandia e quattro le tipologie di base, acide, acido-amare, dolci-amare e dolci, da scegliere per dare vita al sidro che fermenterà per almeno un mese e che, per i migliori prodotti, dovrà riposare un anno prima della doppia distillazione.

chateau du breuil
Chateau du Breil alambicchi

Il prodotto finito dovrà poi maturare in botti di quercia per un minimo di due anni e più sarà lunga la permanenza nel legno più aumenteranno la morbidezza e la ricchezza di aromi del distillato.

3-Lorangerie-du-Château-site-
Chateau du Breil

AOC Calvados Pays d’Auge è la denominazione delle bottiglie di maggior pregio.

Calvados-aoc-réserve-8-ans-château-du-Breuil

I Francesi usano il Calvados, sopratutto giovane, per correggere il caffè, come una sorta di sorbetto tra le portate di un pranzo o servito insieme al corregionale Camembert, ma i distillati più maturi e preziosi meritano meditazione con un bel ballon, meritano l’azzardo del cioccolato o il gioco di affinità con dolci a base di mele e confetture che lo abbiano anche protagonista nella preparazione.

Insomma se vogliamo concederci una piccola trasgressione il Calvados è perfetto… in fondo Adamo non è mai stato raffigurato con in mano un grappolo d’uva!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...