Gotta di classe

Gotta di classe

Ieri sera ho cucinato un piatto povero e ricco allo stesso tempo, cicoria e fagioli con un filo d’olio extravergine: rispettivamente l’amaro, la tendenza dolce ed il velluto.

IMG-20181124-WA0013
In abbinamento Nerello Mascalese Colosi

Povero per gli ingredienti e ricco dei sapori della tradizione contadina toscana, che ho conosciuto e amato grazie a mio padre. Tra le due guerre mondiali in quel della collina pistoiese il bollito di manzo era il piatto della festa, del Natale, e il cibo di tutti i giorni era il frutto dei campi e del bosco: polenta, cicorie, cavolo nero, castagne e tanti fagioli.

beans-260210_960_720

Parlando di questa cultura gastronomica contadina mi viene in mente un altro grande piatto tipico: la cavolata, ovvero una polenta bella soda miscelata con tanto cavolo nero e fagioli e, una volta fredda, affettata e passata sulla griglia o fritta nell’olio.

Era il tempo in cui solo le classi più abbienti mangiavano carni in abbondanza tant’è che una delle malattie più diffuse era, per l’eccesso di proteine, la gotta che però colpiva anche le classi meno abbienti sempre per l’eccesso di proteine ma di origine vegetale, appunto fagioli e castagne.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...