La degustazione, le regole e l’anima

La degustazione, le regole e l’anima

Paragoniamo il cammino di degustazione ad uno spostamento da un luogo ad un altro con tutte le suggestioni visive e sensoriali che il viaggio comporta.

Osservare le regole rigidamente è come percorrere un’autostrada, un passaggio obbligato: i guardrail, poche uscite, gli autogrill anonimi, la velocità.

Interpretarle invece è come imboccare una strada tra le colline verdi, magari a volte sterrata e con cento sentieri da esplorare e mille posti da scoprire. È la libertà di sentire il paesaggio con lentezza che, badate bene, non è pigrizia ma la condizione per assimilare più sfumature possibili.

Cercherò di condividere con voi le sfumature del mio viaggio tra bottiglie eleganti e scintillanti bicchieri, senza mai dimenticare le mani sporche di terra del vignaiolo.

 

purple-grapes

Io sono colui che conserva sulle labbra

Il sapore degli acini.

Grappoli ammaccati.

Morsi vermigli.

Pablo Neruda

2 pensieri riguardo “La degustazione, le regole e l’anima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...