Bottiglie…

Bottiglie…

Appena passate le feste, ricche di libagioni, parliamo di bottiglie ma, per darci un po' di tregua, di bottiglie vuote. È nel '700 che il vetro, inteso come bottiglia dedicata, entra a far parte della storia del vino ed è opera degli inglesi che pur non avendo vigne hanno sempre avuto un gran peso nel … Continua a leggere Bottiglie…

La pera come dessert…

La pera come dessert…

Parlare di frutta cotta a fine pasto ricorda quasi un menu da clinica ma c'è cottura e cottura! Procuratevi delle pere a pasta dura e non troppo mature, coscia, kaiser o williams e sbucciatele lasciando il picciolo integro. Adagiatele in una pentola a bordi alti aggiungendo vino rosso giovane a coprire poco più della metà … Continua a leggere La pera come dessert…

Tappi e ricolmatura…

Tappi e ricolmatura…

Il punto debole della bottiglia di vino è il sughero che, se di grande qualità, dopo quindici, venti anni perde elasticità, si impregna di liquido e può far passare l'aria ingenerando disastrosi processi di ossidazione. Biondi Santi Tenuta il Greppo con il suo mitico Brunello di Montalcino, del quale si fregia essere l'inventore grazie al … Continua a leggere Tappi e ricolmatura…

Amarone della Valpolicella e Brunello di Montalcino

Amarone della Valpolicella e Brunello di Montalcino

L'inverno, con l'avvicinarsi delle feste, ci predispone ad assaggi più impegnativi da abbinare a piatti  più robusti. Il Brunello di Montalcino, da uve sangiovese grosso, viene messo in commercio dopo cinque anni dalla vendemmia, di solito quattro di barrique di rovere ed uno di affinamento in bottiglia. Il colore rosso rubino con l'invecchiamento tenderà al … Continua a leggere Amarone della Valpolicella e Brunello di Montalcino